Crea sito

“Oh, come hanno suonato le chitarre negli anni novanta non le han suonate più.”

ktb

Verso metà concerto arriva un amico e mi dice quello che ho usato come titolo del post. Come concetto è abbastanza tellurico: arrivano all’Hana-bi di Marina di RA in mezzo ad un cartellone diviso quasi equamente tra indie-shoegaze per frangette anasessuali e/o folk mortifero di nobili origini e inappuntabile fattura e/o garage rock tra ottanta e novanta, più eccezioni meritevoli. L’Hana-bi, se non lo sapete, è un bagno al mare. Questa è l’unica data italiana di Karma To Burn, band di culto tra i principali vessilliferi di tutto il giro di gruppi che teorizzarono (capirai) il passaggio da grunge a stoner, famosa soprattutto per avere amoreggiato con John Garcia per dieci minuti prima di decidere di non sostituire il primo cantante e diventare un atipico gruppo strumentale. Tre rusticoni con i muscoli da musicista pestone, la cartola a seimila e tutto il bagaglio culturale di un hippy trucido che ha sguazzato in mezzo al fango per tutti gli anni novanta in preda al trip mentale di diventare come i Motorhead. Suonano così bene dal vivo che invece di andargli davanti con la fava fuori a dirgli “tempo scaduto, mi spiace” ti ritrovi un centinaio di persone che ridono e saltellano facendo le corna metal e fanno headbanging come se avessero imparato il concetto l’altro ieri. Il premio nobel della serata, eccezion fatta per suonatori e fonico, va assegnato ad un tizio in carrozzella con maglietta UNSANE che fa su e giù con la testa al lato sinistro del palco. Suonano un’ora e mezzo senza staccare le mani un secondo dagli strumenti, scene di panico tra un pezzo e l’altro. Come hanno suonato le chitarre negli anni novanta non le han suonate più. Concerto dell’anno.

PS: mi sono scordato la macchina fotografica. La foto l’ho inculata su Flickr, croppata e virata b/n. La foto originale insieme alle altre appartiene a questo set.

Una risposta a ““Oh, come hanno suonato le chitarre negli anni novanta non le han suonate più.””

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.