Valient Thorr (e Dillinger Escape Plan) @ Velvet, Rimini (8/7/2009)

2864197040_6f54db6f03

Una cosa buona dei Dillinger Escape Plan è che si scelgono sempre dei gruppi spalla fantastici. Forse perché, da primi della classe quali sono stati eletti a furor di popolo fin dal micidiale Calculating Infinity (1999, primo e unico vero capolavoro tout court della band), non temono confronti con nessuno, sanno di poterli battere, di stagliarsi ancora una volta quali trionfatori assoluti.
Non stasera.
I Valient Thorr da Venere (…) sono brutti, sporchi e sudati; ostentano con orgoglio stivali da mandriano, giubbotti di jeans tappezzati di toppe di gruppi orribili che anche negli anni ottanta gli avrebbero riso dietro, ballonzolanti pance da birra, luride barbe lunghe fin quasi all’ombelico, sguardi cisposi e ascelle pelose; esteticamente sembrano un incrocio sfatto e maleodorante tra ZZ Top, Manilla Road e gli Skynyrd post-incidente aereo, musicalmente un’unione incestuosa tra Motorhead, Slade e Lawnmower Deth a tratti perfino più esplosiva della somma delle parti, con tanto di testi da mongoloide e cazzate sul “vero metal” che non capisci se ci sono o ci fanno, roba che al confronto i 3 Inches of Blood sono filosofi greci. Dal vivo sono un’epifania, qualcosa di impossibile da descrivere a parole. Certo, se ne potrebbero inventare di nuove per l’occasione, magari qualcuna con tante consonanti tutte in fila stile nomi dei mostri lovecraftiani (di sicuro i Valient Thorr gradirebbero), ma niente riuscirebbe comunque a rendere l’idea di quel che s’è visto e dell’effetto che ha avuto su di noi. Ovvero, più o meno l’equivalente di Dio che scende sulla terra, ti fissa bene negli occhi, punta il dito contro di te e ti dice che non vali un cazzo. Qualcosa di ineluttabile, uno di quegli eventi da conservare gelosamente nella memoria insieme alle cose più care e da ritirare fuori ogni volta che desideriamo essere migliori.
Come mi immagino Dio? Capelli bianchi, barba lunga e niente uccello.
(Charles Bukowski)
Più o meno ci siamo, con la sola differenza che l’uccello in questo caso c’è e pare bello grosso, tanto che il cantante si riferisce a lui chiamandolo Chinga-Linga-Ling (o qualcosa del genere) durante più d’una delle manicomiali introduzioni ai pezzi. Per il resto, la sensazione è più o meno quella di essere presi a schiaffi da Dio in persona, nella forma di cinque bovari del North Carolina che danno vita al live show più eccitante attualmente in circolazione.
I feel good… I look good!, quasi pensa tra sé e sé il cantante ammirando la sua pancia pelosa madida di sudore tra un pezzo e l’altro: cioè, non solo mi sento bene, ma anche sono bello, il che, considerato il soggetto in questione, è ovviamente qualcosa di sublime. Poi impari Tomorrow Police, che è né più né meno il più grande pezzo contro gli sbirri mai scritto, e senti con le tue orecchie (ma lo stesso non riesci a crederci) un accoratissimo e sconclusionatissimo appello alla Pace Universale tra i Popoli che al confronto Daniel Johnston quando dice di voler lasciarci con un messaggio positivo (e poi parte True Love Will Find You in the End) diventa Carl Panzram; e allora il presentimento di essere stato testimone di qualcosa di epocale si trasforma in certezza.
E i Dillinger? Certo, raffinati. Tecnici. Pazzi. Geniali. Intelligenti. Sopraffini. Fusion. Suonano per un’ora d’orologio il solito delirio ipercinetico e cervellotico, penalizzati da un audio stile concerto dei Brutal Truth ma comunque sempre pronti ad arrampicarsi dappertutto come tante piccole scimmiette e a fare tante tante mosse spastiche disarticolate. Greg Puciato flette il muscolo, minaccia gente a caso e ti fa desiderare di conoscere il suo personal trainer. C’è la cover, inevitabile, di Come to Daddy. Si versa acqua sull’uccello. Ma non era la loro serata, e questo i saggi l’hanno capito.

PS il mio amico Riki non mi ha mandato in tempo l’unica foto che era riuscito a scattare col cellulare (comunque, si intuiva una mano davanti a un riflettore giallo); la foto che vedete l’ho presa a caso da Flickr dal set di un tizio americano.

7 thoughts on “Valient Thorr (e Dillinger Escape Plan) @ Velvet, Rimini (8/7/2009)

  1. Visti due volte, di spalla rispettivamente a Turbonegro e Mastodon. Quando l’ultima volta hanno dedicato Tomorrow Police a Robocop ho urlato “game-set-match” e sono tornato a casa (non e’ vero, ma sarebbe stato uguale).

  2. anche questa volta hanno dedicato Tomorrow Police a Robocop! è stato, per me, come aver mangiato del peyote. infatti non so come mai sono ancora vivo, è un mistero…

  3. Pingback: La memoria del pesce rosso: Il Tredicesimo Guerriero, John McTiernan, 1999 « I 400 calci

  4. Pingback: Dischi stupidi: Option Paralysis « B A S T O N A T E

  5. Pingback: Piccoli fans: BLACK BREATH « B A S T O N A T E

  6. Pingback: L’agendina dei concerti Bologna e dintorni – 26 luglio/1 agosto « -bastonate-

  7. Pingback: L’agendina dei concerti Bologna e dintorni – 1-7 agosto 2011 « -bastonate-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.