Crea sito

QUATTRO MINUTI: Growing – Pumps.

Inauguriamo a caso una nuova rubrica estemporanea. Si intitola QUATTRO MINUTI e contiene recensioni di dischi o concerti scritte col cronometro. 240 secondi netti, se lasciamo cose in sospeso pazienza.

VIA
Il nuovo disco dei Growing lo trovate in streaming qui, ma è un disco del cazzo. Mi farebbe piacere dire che non è così, tirare le somme e buttare qualche fiorellino sulla tomba di qualcun altro nel disperato tentativo di ribadire che i Growing e svariati altri drone rockers della domenica no. Probabilmente questo è lo stesso atteggiamento patetico e peloso che ci permette di difendere un pochetto tutti i dischi del dopo-Kranky, sostanzialmente un mare di buste ambient-drone. Parlando di cose puramente teoriche, Pumps (che tra le altre cose senza senso esce licenziato da Vice) è una specie di logica evoluzione dei Growing live, quelli con l’assetto imperioso stile disco-morte con i beat pesi appiccicati sui drone del primo periodo. Naturalmente l’ignoranza salvifica di questa roba dal vivo, parente di quello che MC raccontava a proposito di Fuck Buttons, su disco (come per i Fuck Buttons del resto) diventa un coacervo di robine kraute e paracule coi beat brutti e senza pacca. Ovviamente anche a questo giro troveranno i loro fan, convinti che siccome una
STOP

2 Risposte a “QUATTRO MINUTI: Growing – Pumps.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.