Crea sito

Una risposta a “Badilate di cultura: FAKE ITALIAN”

  1. Interessante reciprocità: capisco perché, a volte, non riesco a fare a meno di parlare in finto inglese, soprattutto per veicolare un concetto semplice, magari un filo brusco, senza barocchismi. Tipo: ti spaccou il chiùlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.