Navigarella #3

IL FEEDREADER
I/gli White Stripes si sono sciolti. L’han fatto con un briciolo di cognizione di causa e senza causare troppo imbarazzo. Non potrei dire di essere dispiaciuto, ma non li odiavo. Sono sopravvissuti alla fine del genere che hanno contribuito a creare -la rinascita del rock’n’roll, ve lo ricordate? Un’infornata allucinante di modaioli con l’articolo a traino degli Strokes di cui nessuno aveva le palle di parlar male, dicendo sempre cose tipo “loro sono molto meglio dei modaioli con l’articolo a traino degli Strokes”. A parte i Jet, naturalmente. Loro erano troppo malvagi per poterli promuovere, anche al primo disco.
Notizie riguardo al film di Boris da Inkiostro, uno dei più grandi fan italiani. Come tutti, suppongo. A parte m.c. che non guarda serie TV per principio, la mia morosa, mia madre e la Camilla. La Camilla è il nuovo cane di mia madre, vi potrei postare una foto ma anche no, andatevele a vedere su facebook.
Palumbo ha avviato un altro blog. Sempre film e cose simili, su tumblr, molto all’osso. Si presta molto ai reblog. L’ho mai detto che odio tumblr? Non è che lo odio, è che non mi ci trovo. Non funziono.
Scream4.
Il nuovo video di Rihanna è una mezza droga. Quanto cazzo hanno rotto il cazzo ‘sti cazzo di suoni? Risposta: sempre meglio che l’invasione dei timbalandiani.

LA/LE FOTO

IL MORTO
John Barry. Mancarone.

IL LEAK
Il nuovo Trail of Dead. Fortunatamente non è necessario compiere crimini per ascoltarlo: i dischi da Worlds Apart fanno tutti cagare con il caps lock, per stavolta ho deciso di affidarmi al pregiudizio. No, non mi convincerete. Sì, potete essere in disaccordo, ma questo non vi aiuterà a trovare la luce.

IL LOAL
Lady Gaga Jesus Dressup, via Poptopoi.

One thought on “Navigarella #3

  1. Adesso commento a cazzo le cose che hai scritto, ahah.

    Sui White Stripes: ma dai!! Ma che, d’avorio!? Bè, comunque sti cazzi in realtà. Gruppo che non mi è mai dispiaciuto, non mi è mai particolarmente piaciuto, non ho mai sentito un loro disco per intero anche se ne ho diversi (almeno tre). Mi rendo conto ora di aver sempre finto di amarli. Comunque bravo Jacche White (letto “Gècche Uàite”), persona di talento che può tuttavia baciarmi il culo lui e i suoi mille side-projects inconsistenti.

    Riguardo a Rihanna, penso di essere l’unico al mondo a pensare che sia una cozza infame, mentre la musica è molto bella, di solito. Un singolo meglio dell’altro. Comunque io ne so davvero troppo più di chiunque, eh, ma come cazzo faccio?

    Condivido l’idea sui Trail of Dead, passati da essere un gruppo di pura caciara (primo disco) a un simpatico ma irrisolto gruppo wavepunk (secondo disco) a un gruppo che ha fatto un bellissimo disco un po’ rovinato da un pessimo cantante (Source Tags & Codes) a un gruppo che fa del Dawson-proggishrock (ossia rocketto poppetto buono per l’immaginario Dawson’s Creek tipico dei post-adolescenti degli anni attorno al 2005, con brutte allusioni al prog: parlo di Worlds Apart) a un gruppo semplicemente orendo (So Divided). Poi chissà perché li ho mollati.
    In ogni caso, come i Sigur Ròs con Agapornis Burin, uno di quei gruppi a cui, a sto punto, l’unico bel disco fatto deve essergli uscito per caso. Così come “I cento passi” a Giordana (non un gran film, ok, ma rispetto alla meglio gioventù è una sorta di Quarto Potere. Quello poi dell’albanese sperso in mare era di più, gli mancava Jack Black per essere un capolavoro della comicità).

    John Barry feccia da Necci, non per sua colpa, ma può piacere a gente che frequenta quel postaccio (tipo me, stasera ci vado a cena). Mancarone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.