Bieberama

(…) inevitabile strascico di emulazione internettiana in cui, all’improvviso, tutti si sono messi a rallentare (o velocizzare) tutto. Ma U Smile, che nella versione extended dura trentacinque minuti, è speciale, ha un senso, uno scopo e una dignità probabilmente superiori all’originale anche a prescindere dall’originale.

Lo scrive m.c. qui. Un’ulteriore e terribile conferma viene dalla versione di Friday di Rebecca Black (sfotterla a man bassa è lo sport più praticato questa settimana dai blogger) rallentata di 5 volte e linkata da Junkiepop, un terribile pasticcione slow-qualcosa che non riesce a smarcarsi dall’originale manco per uno dei suoi quindici interminabili minuti e che segna -idealmente- la profetizzabilissima fine artistica del brake-pop, da qui in poi condannato a diventare l’ennesimo non-luogo della mente internettiano. Ciao ciao.

[soundcloud url=”http://api.soundcloud.com/tracks/11883968″]

(della cover emo-metal linkata sempre da JP non parlo per pietà)

2 thoughts on “Bieberama

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.