Crea sito

Mancarone

Da la figa l’è avnù fura ènca la figa.
Oscia la figa.

Uiera un che la cantèda vinquatar u la tneiva addrenta e partafoi e ula tireva fora tot al seiri candasema a magnè. A fasema una magneda tot i meis. Dop a sem carsù e la magneda cun chi burdel la guantet una magneda ogna tri meis, e po an puteva piò andè fora parchè la mi murousa l’era zlousa e lan puteva andè a la magneda cun al murousi ad chi burdèl. Acsè che la magnèda cun chi burdel a la faseiva soul una volta a l’an quant c’uiera la festa d’la dòna. A andasema tot ien a e zris, cl’è un post soura a Casèl c’ui era un sagat ad dòni ad quarant’èn, tot al tavuledi pini ad dòni e nùn a fè la magnèda tott oman. Po’ l’arivèva quel ch’e faseiva e spuiarèl e al donni a li rugeva. E po dop l’ariveva e mi amig ch’us miteva a lèz la cantèda vinquatar e quant ch’e geiva “OSCIA LA FIGA” a seram nun a rugé. Incua invici l’è zusest c’us rogia int’unent mod. Se avete capito qualcosa di quel che ho scritto fin qui, è un giorno difficile anche per voi. Conosco Tonino Guerra dal 1988: undici anni non ancora compiuti, in prima media il professore d’italiano ci aveva dato dei libri a caso e a me era capitato Storie dell’anno Mille. L’anno successivo qualche professore l’ha riscritto in forma di commedia e l’abbiamo portato al Teatro Bonci. A me era toccata la parte del prete, sostanzialmente dovevo continuare a ripetere AVETE VISTO SATANA? una ventina di volte. Poi capita che cresci in un posto che sta nella campagna tra Cesena e Rimini e ti studi Fellini a memoria e poi passi direttamente a Tonino Guerra, che nel corso degli anni per noi qua in giro è stato poeta pittore e filosofo e perfino anchor-man, la pubblicità dell’UniEuro se era l’UniEuro, quella che GIANNI! L’OTTIMISMO VOLA! E anche lo spoof dei miei primi giorni di internet col roughmix e Tonino che bisbiglia orcod*o, e che se volevi sentire le storie della guerra raccontate da uno che sapeva raccontarle andavi a finire su Tonino Guerra. E poi tutto quello che ci sta in mezzo, perché magari a casa mamma e papà litigano e fanno pace e piangono e ridono sopra alla tovaglia stampata coi suoi disegni e sabato c’è la sua mostra da andare a vedere o magari qualcosa che ha fatto in un borghetto, e se hai mai vissuto da queste parti Tonino Guerra era semplicemente dappertutto, e forse è anche per questo che la Romagna è il posto più bello del mondo.

Tonino Guerra aveva compiuto 92 anni da qualche giorno. La tovaglia ce l’ho anch’io, sul mio tavolino.

6 Risposte a “Mancarone”

  1. Oscia e Zris!.. A i sarò ste si-set volti in che post, pu dop una ciopa d’en u s’è spustè piò d’insò e dop incora i ha det chi l’ha cius da fat. Ma in te prinzipi us magneva ben in che post.

  2. boh me par me sa foss ste me a decid ducusandeva a sareb andè sempra a Sureival, che lè us magna bèn da dis an. a e zrìs us pagheva tròp e us magnèva acsé.

  3. an saveva gnent, cl’era mort. a deg “grazie” ma bastunedi c’um insegna inquel, enca al robi di mii post. um dispis una masa. tonino at salutem

  4. Ciò, veda c’lè una roba curiosa scriv in dialett rumagnol, um pè un zert quel… Che pu e mi dialett un’è propi parcis a e tu, o a quel de por Tonino. Ades a stag neca me in t’la campagna tra Cìsena e Rèmin, ma a dìla tota me a so ad Frampul. Cioè, a s’era ad Frampul e pu dop un po’ a so fnì vi qua. Parò a so cuntent parchè una roba bela ad stal zoni chi qua l’è cu i’è un sac as post in du cus magna ben… E pu a pinseva ca sareb ste piò da drì a e Velvet (parò da quand ca stag a qua e Velvet l’ha cminzè a fe schiv)… Sa dit, a la mitèn so una rubrica ad culinaria e indi rock in dialett?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.