Crea sito

The Ex & Brass Unbound @ Piazza Verdi, Bologna, 02/06/2012

Entro in Piazza Verdi e mi trovo di fronte a un carnaio di gente seduta in mezzo con birre Moretti pakistane e cani sparsi in giro per i portici, tutti quanti più o meno svestiti anni settanta e tutti quanti storditi da una visione che sembra aver fulminato Bologna in un’epoca ormai passata. Non frequento concerti della Bandabardò e questo spettacolo continua ad arrivarmi in faccia in maniera sgradevolissima. Penso che sul palco tra qualche minuto ci salirà Roy Paci e insomma due più due, dove cazzo eravate stronzi quando The Ex mandavano semideserto il Locomotiv o faticavano a riempire il teatro San Leonardo con Getatchew Mekuria. La risposta arriva un quarto d’ora dopo, mentre The Ex & Brass Unbound salgono sul palco ed Arnold DeBoer prende il microfono in mano. Ha gli occhi di un bambino estasiato che sono gli stessi di Sara Errani come descritti in questo pezzo che ho letto ora e mentre parla e presenta il gruppo sorride in un modo che ti viene da pensare ecco qual è il suono di un sorriso. E poi attaccano Maybe I Was The Pilot e inizia (come tutte le volte che vedi gli Ex) il concerto più bello a cui abbia mai assistito. Non ve lo so raccontare: è un concerto fatto di pezzi degli Ex ma più violenti e riarrangiati per includere un quartetto di fiati, con delle code che si allungano a dismisura e un massacro che si ripete più o meno ad ogni nuova canzone. Roy Paci è preso benissimo, ma se ti giri verso la sezione fiati è impossibile concentrarsi su altro che Mats Gustafsson. Piazza Verdi, stracolma di gente, è in visibilio. Per la parte tecnica tengo solo a sottolineare che il gruppo con Arnold DeBoer suona più duro e compresso di quanto sia mai suonato con GW Sok, e questo non è per niente voler sminuire il secondo. La scaletta pesca quasi solo da Catch My Shoe, ma l’apice emotivo è State of Shock: quando attaccano le prime note si leva un boato che manco fossimo ai Radiohead in Piazza Maggiore. Tutto fa brodo. L’immagine l’ha scattata Sara Belluomini per Pressappoco (spam).

10 Risposte a “The Ex & Brass Unbound @ Piazza Verdi, Bologna, 02/06/2012”

  1. boh, anche molto molto meno comunque. mi è sembrato un gruppo freakkettone per un pubblico freakettone, ora buttar merda non mi pare il caso ma men che meno gridare al miracolo, perfetto per la cornice p.zza verdi.

  2. Scusate se resto della mia idea, non volevo ferire il cuoricino di nessuno ma pace, sono contento con voi!

  3. Ma sì però dai, non usiamo le parole a caso, i The Ex meritano oggettivamente il massimo rispetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.