Crea sito

QUATTRO MINUTI/STREAMO/DISCONE – Corin Tucker Band – Kill My Blues

ammetto che le foto promozionali sono una merda a ‘sto giro

VIA

ROCK NORMALE come il disco di Nikki che ovviamente non ho mai ascoltato se non L’ultimo bicchiere che quella invece l’ho ascoltata sei volte e intendo dire che l’ho ascoltata sei volte ieri (storia vera, quando entra Pezzali nel finale sono lacrime tutte le volte, da sempre e per sempre). L’ex Sleater Kinney Corin Tucker stava in piedi da sola già ai tempi del primo disco a nome proprio, alla faccia di chi si è posto più di un dubbio sul fatto che in realtà il genio in seno al gruppo fosse Carrie Brownstein (titolare assieme a Janet Weiss di un progetto intitolato Wild Flag, sospeso tra SK-revival e garage-pop di merda senza botta e senza pezzi e senza futuro). Il nuovo disco della Band è più bello di quello prima. Stessa identica musica, sia chiaro: pezzi power-pop di tre minuti suonati forte e con la botta e senza cazzi. Quello che cambia è che i pezzi sono scritti meglio e il gruppo è ancora più in parte, che te lo riascolti tre volte di fila invece che due, che siamo più vecchi e che la figa non è più una scusa da un bel po’. Se parliamo di revival degli anni novanta e abbiamo un briciolo di interesse a fare un discorso sensato, forse è il caso di partire da qualcuno che negli anni novanta c’era e suona cose anni novanta ancora adesso e lo fa nel modo in cui lo faceva negli anni novanta. Bene.
STOP
[bandcamp album=973066601 bgcol=FFFFFF linkcol=4285BB size=venti]

3 Risposte a “QUATTRO MINUTI/STREAMO/DISCONE – Corin Tucker Band – Kill My Blues”

  1. Io lo sapevo che piangevi anche tu ascoltando l’ultimo bicchiere. Lo sapevo che non eri solo un fighetto. Lo sapevo. Cazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.