the Afghan Whigs – Do the Beast

Una cosa comune a molti eroi di quell’epoca lì che hanno iniziato a buttarsi via coi loro progetti paralleli (Billy Corgan, Chris Cornell, ora Greg Dulli) è che a un certo punto hanno smesso di buttarsi via come solisti o progetti paralleli e deciso di buttarsi via utilizzando la sigla che li ha resi famosi. Questa cosa potrebbe essere presa per una cafonata idiota ed irrispettosa nei confronti dei fan duri e puri, ma in qualche modo denota una grande onestà intellettuale e la capacità di pensare più in grande anche quando la musa ti si rivolta contro o non ti caga pari. Il che non toglie che ad ascoltare il nuovo disco degli Afghan Whigs ti scoppia la faccia peggio che nella foto di copertina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.