Crea sito

dischi AmRep dopo la fine di AmRep: WHORES – RUINER

wr

La foto di una rivoltella, nome e titolo scritti in stampatello a caratteri cubitali: la copertina non lascia spazio all’immaginazione in merito a quali siano le influenze del gruppo. La musica contenuta dentro, divisa in cinque pezzi pressoché identici, è una specie di incontro tra groove metal e noise dozzinale, roba così monocorde che in confronto i Love 666 erano merce da alta classifica. AmRep fino al buco del culo: la voce è brutta, le chitarre sfrigolano e le canzoni hanno titoli tipo Dimmi qualcosa di scientifico. L’epopea NOISE degli Whores dura pochissimo: due anni dopo si ripresentano con un’etichetta alle spalle, il culto alle spalle che si riserva ai vincitori e un disco di nome Clean, già dal titolo una dichiarazione programmatica; il disco è una minestrina di ispirazione nu-sludge con le chitarre ancora alte e cattive ma un terzo dell’emotività slabbrata del disco precedente; poco importa, il gruppo è già pronto al giretto d’ordinanza per l’estate dei festival metal europei, la stampa comunque adorante. Vincono tutti e poco importa che per sentire il groppo in gola che ti veniva ad ascoltare Ruiner puoi solo riascoltare Ruiner.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.