LIRBI #6 – Henry Rollins (2)

 

 

 

Black Coffee Blues invece l’ho praticamente abitato nelle ultime settimane. Ancora, i ricordi precedenti si fermano agli anni novanta; era come Bukowski per me ma senza l’alcol e preso peggio. Apro il libro a una pagina a caso e da lì vado avanti. Come con Il Libro dell’inquietudine, o un Librogame. La cosa migliore è che ogni frase potrebbe essere usata alla bisogna. Maroni girati? Tonight, I am the king of self infliction. Maroni girati? There must be kindness in blindness, because there is none here. Maroni girati? How convenient to put your need on someone else’s shoulders. Il lato negativo: oltre ai maroni girati non esistono altre sfumature.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.