His Name Is Alive – Tecuciztecatl (London London)

Ere geologiche fa, Warren Defever era la lingua più lunga del sistema solare, solo delizia niente croce per stampa musicale e lettori di qualunque emisfero. Morrissey? Julian Cope? Cristo, Noel Gallagher? Dilettanti. Chierichetti. Poveracci, ci provavano pure ma lo capivi all’istante non ce l’avrebbero fatta mai a raggiungere il solo e unico. Galassie li separavano. Anni luce. Millenni. His Name Is Alive l’emanazione, i cui dischi – ogni disco – ridefinivano fin dalle fondamenta il concetto stesso di “celestiale”, un misto strano tra Savage Republic e This Mortal Coil di almeno tre lunghezze superiore alla somma delle parti. Tempi in cui la 4AD riusciva a essere qualcosa di molto vicino al concetto di perfezione assoluta. In questo spaziotempo, nulla è cambiato: ascoltare Tecuciztecatl è come fissare il sole per un’ora. Abbacinante, colossale, irraccontabile; estasi pura, materia degli dei, comunque la si voglia definire, roba che porta a credere sul serio che His Name Is Alive sia il più grande gruppo di tutti i tempi, la musica la migliore mai esistita. L’unico vero peccato, criminale, è che una volta dissoltasi l’ultima nota dell’ultimo pezzo tutto torna come prima. Che bello se la vita vera fosse un solo, eterno loro album.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.