Elisa Ambrogio – The Immoralist (Drag City)

Pare una versione ancora più grigia e asfittica degli ultimi dischi dei Magik Markers; il che, per chi conserva ricordo dei tempi aurei in cui dal vivo spaccava tutto limonando gente a caso, è triste quanto il declino di un vecchio atleta quando non ce la può più fare per quanto si sforzi. Bel titolo comunque, molto Boyd Rice; c’entra zero ma bel titolo.

Posted in: boh |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.