Arto Lindsay @ Hana-Bi, 03/08/2015

DSC_0015

La maggior parte della gente che vedi a un concerto come quelli a cui vado io sembra seguire un programma di espiazione dei peccati. Io almeno a volte me li immagino così, presi bene a prescindere su un canovaccio che molto spesso se n’è andato a puttane una dozzina di anni fa, come un blando convivere tra sessodipendenza e paura di tirar giù i pantaloni in pubblico. Chi c’è stasera? Gli ex CCCP senza Ferretti che fanno un reading con Max Collini. FIGATA, andiamo. Domani quello che ha fatto due pezzi per la colonna sonora del film di Jarmusch, il giorno successivo qualche oscuro gruppo garage su etichette di seconda forza ma con la fama di band devastante dal vivo. Non te ne accorgi così bene come al concerto di Arto Lindsay, l’appuntamento che aspettavo con più fotta in tutta l’estate. Le persone sono cotte da un caldo improbabile, consumano bicchieri di birra con l’aria di chi non avrà un’altra occasione di bere qualcosa di liquido e si accalcano davanti al palco come se stesse per salire qualcuno tipo Robbie Williams. Hanno  stempiature uguali e contrarie a quella del cantante che sta per salire, un personaggio di prima forza di cui hanno letto il nome e con ogni probabilità ascoltato qualche disco, magari i due pezzi smerdati dei DNA che stavano dentro a No New York. Li vedi fremere esaltati con il cocktail che si sta svuotando e la paura di doverne ordinare un altro perdendo la posizione strategica, mentre altra gente arriva da dietro e inizia a fare il tappo col caldo e la situazione diventa d’un tratto sgradevolissima. Accanto a me tre tizi si prendono bene quando Chris, il padrone del posto che stasera fa anche da dj, suona il pezzo della Handsome Family che sta nella sigla di True Detective s01. Mentre la canzone va avanti iniziano a parlare di quanto faccia schifo la seconda stagione e per un momento sono tentato di intervenire nella discussione con il tono acceso e il cazzo girato, ma tutto sommato mi sono rotto il cazzo di tentare di spiegarlo pure ai miei contatti Facebook. Arto Lindsay arriva poco dopo, con in mano la sua chitarra, sempre la stessa -una Danelectro a dodici corde che produce suoni atoni e fastidiosissimi. La differenza rispetto ad ogni altro concerto di Arto Lindsay che ho visto è che stasera non c’è nessuno a fargli le musiche e le canzoni consistono in testi un po’ sussurrati e un po’ urlati con sotto le vangate di una chitarra affilatissima suonata da un musicista che in una carriera lunga quarant’anni non si è mai preso la briga di imparare un accordo. Le canzoni di Arto Lindsay sono fatte per un contesto diverso, quello dei vari O Corpo Sutil per capirci: suggestioni tropicaliste, sussurri, elettronica delicata. Le canzoni di Arto Lindsay, stasera, diventano abbozzi di rumore bianco montati su tessiture improbabili che di tanto in tanto sembrano incredibly strange music o la finestra su qualche pop rock del futuro. La gente, per la maggior parte, non gradisce e si toglie dal cazzo. Portano addosso le cicatrici di troppa roba interessante vista per spirito di completezza, smettono la dedizione da qualche parte nella seconda parte del concerto, si avvicina al bar per fare due chiacchiere o imbocca direttamente la via d’uscita. Lui conclude il live come l’ha iniziato, violenta le sue incredibili canzoni una dopo l’altra, ne riconosco una a malapena. Ripone la chitarra, saluta, parte la musica rassicurante di qualche disco dalla consolle, tutti passano oltre. La gente s’attarda nel piazzale, si stordisce con qualche altra chiacchiera e l’ultima birra, Arto Lindsay passeggia solo e smarrito come un umarell verso la riva del mare. Un killer.

Precedente CONTRO LA DROGA Successivo Una per Robin Williams, un anno dopo

2 commenti su “Arto Lindsay @ Hana-Bi, 03/08/2015

  1. Davide il said:

    Concerto bomba altroché. Una badilata di garage band è un prezzo più che onesto da pagare per beccarsi ogni tanto queste perle inaspettate (almeno da me che non conoscevo se non di nome).

  2. aisai il said:

    Io l’ho visto in concerto a Catania qualche mese fa (praticamente l’unico concerto interessante che ho visto quest’anno, avendo saltato Zanne e Ypsig – quest’anno un po’ moscio, mi dicono – perché è nata la mia bimba). Concerto bellissimo ma leggermente diverso: ad accompagnarlo c’era Marc Ribot. Un killer e il suo complice.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.