Le accuse di fascismo

 

Recentemente ho messo insieme questa specie di teoria sulle accuse di fascismo. purtroppo non è basata su dati concreti, è solo un’impressione generale estrapolata dalle conversazioni a cui assisto di solito. Dicevo, la teoria è che del totale delle accuse di fascismo lanciate da chiunque a chiunque altro, in Italia, nel 2016, il 40% sono accuse fondate. Il restante 60% è composto per metà da idiozie assolute e per metà da accuse molto più fasciste dell’oggetto delle accuse stesse. Questo 30% di accuse di fascismo fasciste una decina d’anni fa stava intorno al 15%, mentre le accuse fondate erano il 55% (gli idioti, in percentuale, erano più o meno gli stessi). Questa cosa è destinata a peggiorare perchè le prassi comunicative (nel mondo in generale, mica solo su internet) sono più fasciste ogni anno che passa. E poi c’è il problema che molto del totale di accuse di fascismo se ne va via perchè tocca controbattere e accusare di fascismo quelli che ti han dato del fascista. Non è che mi sto lamentando, ma il tutto succede a scapito di un buon 70% di episodi di fascismo che avvengono quotidianamente senza venire denunciati o magari tollerati con l’alzata di spalle  del non biasimo. Poi boh, sì, il fascismo di oggi sarà senz’altro lo Sgargabonzi.

Precedente Stregoni Successivo 100 canzoni italiane: STARE AL MONDO

3 commenti su “Le accuse di fascismo

  1. Raffaella G. il said:

    “Sfottò fascistoide” è spiegato in dettaglio proprio per evitare l’accusa generica. Qui: http://goo.gl/9ztfIp Un esempio di sfottò fascistoide è questa battuta di Sgarga esaltata purtroppo da Giunta:
    “Pietro Germi si ispirò a Don Pino Puglisi per la figura del Sassaroli.” Un’altra è questa: “Nemmeno la vittoria degli Stadio al Festival di Sanremo riesco a godermi, perché l’unica cosa che mi viene in mente è che erano il gruppo preferito di Calipari. Quanto hai creduto in loro, Nicola. Li hai cantati sempre, fino all’ultimo. Quante discussioni notturne con te, Giulia e i bimbi, nella tua casa estiva a Forte dei Marmi. Dove sei Nicola? Sto male.” Luttazzi è chirurgico. Generalizzare significa solo fare confusione.

  2. generalizzare è quello che si fa qui, sorry -il twit di luttazzi mi serve solo come miccia. del resto, seguendo le regole del foglio che hai linkato, sono un fascista, e quella che ho fatto nel post è una riflessione fascista. se vuoi sapere cosa ne penso di questa cosa, ti rimando alla riflessione fascista di cui sopra.

  3. Giovanni Gali il said:

    Eh, vabbe’…
    Quando inizi a inventarti percentuali il tuo discorso perde ogni significato. Hai dei dati? No e ti sfido a trovarli! Ma usi delle percentuali e ti spingi pure su numeri come 15 e 55! Come se avessi delle statistiche così precise che i numeri tondi per te sono troppo gorssolani. Impressioni travestite da analisi quantitative.

Lascia un commento

*