Bastonate per posta

posta

L’idea di fare una newsletter risale al 2000 o giù di lì, e mi dovete scusare ma allora era un’idea abbastanza innovativa. Nel senso, prendi la roba che hai nel sito e la integri con qualcosa e quella cosa la mandi a chi la vuole ricevere. Ok, forse era vecchia come il cucco anche nel 2000.

Sta di fatto che a luglio è morto Google Reader, e a gennaio abbiamo smesso wordpress.com, e tra l’una e l’altra abbiamo perso un sacco di quelli che ci seguivano via feed e via mail. Da un po’ di tempo sto cercando di capire come riuscire a strutturare il becerissimo spam dei nostri articoli, invece di limitarmi a linkarli su Twitter o Facebook e sperare che qualcuno ci caschi e li condivida. Le idee più sensate (tipo fare una pagina su FB e invitarvi ad essere nostri fan) sono tutte cose sceme che non abbiamo voglia di fare, e questo ci ha fatto optare su una cosa scema che avevamo voglia di fare.

Quindi ora trovate un form, qui di fianco, e la simpatica scritta BASTONATE PER POSTA.

BASTONATE PER POSTA, tuttavia, non sarà la newsletter di Bastonate. Sarà una specie di servizio prêt-à-porter di cose che abbiamo da dire ma non stiamo dicendo sul blog. Recensioni corte, considerazioni sullo spazio e sul tempo, link/commenti a pezzi che abbiamo letto in giro e ci piacciono/dispiacciono, ricette per stufare insetti e qualsiasi altra roba ci venga in mente. Magari sotto metteremo anche qualche recap dei cinque-sei pezzi salvabili usciti su bastonate il tal mese.

Le regole sono impostate per creare una newsletter simile a quelle che mi piace ricevere (l’unica newsletter che mi piace ricevere è Vital Weekly), e sono le seguenti cinque

1) Non sarete iscritti se non lo chiedete. Neanche se siete mio fratello o mia mamma (i quali non hanno un indirizzo email).
2) La mail conterrà solo testo.
3) La mail è composta quasi solo da cose scritte apposta per la mail.
4) La mail viene inviata con cadenza più o meno mensile.
5) Niente, le regole sono quattro ma 4 è un numero sgaffo.

(SGAFFO: lo dice qualcuno qua in Romagna, non so se si dica in Italia in generale. Vuol dire qualcosa tipo “imperfetto”, o “dispari”, o simili)

Per ricevere BASTONATE PER POSTA si fa in due modi. Il primo è che riempite il form qui di fianco, o qui sotto. Vi arriva una mail, cliccate CONFERMA e sarete iscritti. Il secondo modo è che lo chiedete a me, io inserisco il vostro indirizzo email e voi cliccate CONFERMA sulla mail che arriva.

Il primo episodio è sostanzialmente pronto, si chiama BASTONATE PER POSTA #1: LA MINAGGIA FANTASMA e contiene (tra le altre cose) una recensione del disco di Lykke Li.

La realizzazione del tutto è a cura dell’amico Piero Galastri. Grazie Piero.

_________________________________________



2 pensieri su “Bastonate per posta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*