Crea sito

Dance casuale, rock riccardone, vecchiume critico, Holly Herndon, azionismo, ASMR, pop

alb

FF L’hai sentito il disco di Trickfinger? Mi sono ascoltato quello e poi quello nuovo di Baldelli che prende voti allucinanti su roba tipo Wire, e me li sono pure io goduti entrambi un botto, ma così a naso se fossero stati dischi di chitarra rock li avrebbero sfottuti a morte o ne avrebbe parlato in termini entusiasti solo stefano isidoro bianchi, sbagliando. Mettici anche questo articolo che parla di quanto è sfigato Guetta a parlare di “old skool” riferendosi a quando gli tocca scrollare i file dalla chiavetta invece che usare i preregistrati, per me siamo al giro completo.

Ikke Frusciante non mi interessa perchè come tutti i musicisti rock che si riciclano nell’elettronicume hanno per natura poco da dire, perché vivono la transizione come un esterno che costruisce l’interno (l’integrità dell’essere rock) e invece, come insegna la techno detroitiana, dev’essere l’esatto contrario, cioè la sovrastruttura organica che esce all’esterno modellandolo, come un’archeologia al negativo; è di per sè un’ammissione di colpa ritardataria quella di questi musicisti, è come farsi l’undercut nel 2016.

Fare parte della milizia è una scelta politica, chi viene dal rock degli ultimi vent’anni ha un modo di pensare la musica e comporre antitetico alla techno che invece è quasi una forma astratta, jazzistica, depurata dall’adrenalina e che corre forte essenzialmente perchè ha l’ambizione di depurare oltre l’istinto pure l’umano. Internal Empire di Robert Hood è uno dei più grandi dischi di sempre ma insegna ancora troppo poco. C’è anche da ammettere però che produttori che si riciclano nei circuiti-chitarra generalmente fanno pure di peggio e senza nessun ritegno.

Baldelli lo rispetto da morire perchè è tutta quell’epica Baia degli Angeli, quella polvere di stelle lì, bellissima italiana nordest patriottico, house da guerra libica al caleidoscopio ma ormai anche lui si ricicla con questi tool per dj, sempre belli per carità, non cambia nulla della sua storia ma non so cosa ci possa scrivere più di tanto The Wire.

Guetta non piace a nessuno ed è pacifico ma fargli le pulci perchè utilizza le penne usb mi pare fin troppo, e non ha niente a che vedere con questa old school di cui si continua a parlare così, in maniera falsamente coscienziosa, da social. Mi pare che si voglia recuperare per la propria parte critica e per la propria cultura (la musica ballabile sta ormai vivendo una fase tipo il rock indipendente negli anni ‘90) quella materialità da concerto che dev’essere sempre un’esperienza, l’ossessione per il rapporto tattile, per me sono prese di posizioni che lasciano il tempo che trovano: è tutta retromania in sofferenza d’aggiornamento (nel senso di quando la barra now loading si blocca), da fase in cui non si sa se esporsi al transumanismo nazi o continuare ad appartenere alle consuetudini naif della critica musicale. La sacralità dei concerti (o dell’esperienza in generale) io la trovo detestabile sempre, figuriamoci per dei dj che a maggior ragione, e quasi per contratto, hanno il diritto di rubare soldi alla gente.

FF Il paradosso che mi viene in mente è che molti di questi meccanismi cognitivi nel rock (comunemente indicato come retroguardia) sono stati purgati da decenni. Cioè se succedesse che, non so, a un concerto metal salta il trigger della batteria e il batterista si mette a improvvisare la cassa coi piedi, e magari poi il gruppo lo racconta su Kerrang di quella volta che il batterista s’è dovuto inventare le parti sul momento, non è che arriva il powermetallaro tr00 a dire che quello è un gruppo finto e usa gli effetti. Succedeva forse nel 2001, ma solo in certe sacche trascurabili della fanbase. Invece nella dance, non dico sottogeneri, dico proprio come concetto critico di roba da ballare in generale, che è così scolastica nel senso di old skool, a vederla da fuori mi sembra si ponga ancora spesso il problema del retroterra e della preparazione tecnica eccetera, discorsi che se provi a intavolarli un’altra volta nell’indie ti becchi come minimo accuse di stitichezza. Il rock oggi lo puoi fare strutturato o destrutturato quanto ti pare, forse perché sei sempre anacronistico a prescindere e puoi scegliere al limite se essere anacronistico figo tipo boh, i Neptune, o anacronistico sfigo come quelli che rifanno la roba cosmica anni settanta come se non l’avesse mai recuperata nessuno e trovano comunque una critica e un pubblico che gli reggono il gioco. Invece la dance o ancora peggio il rap (avevamo parlato se non sbaglio di quanto mi fa vomitare il disco nuovo di Kendrick Lamar) sono roba considerata tipo contemporanea, e il fatto che siano considerati tali per me vuol dire che lo sono -se non c’è una legittimazione sociale o culturale non c’è il concetto di contemporaneità proprio- e boh, la fanno franca per via di certi canoni di giudizio che nel rock avevano rotto il cazzo intorno al ’76, lo skill, la politicità dei testi, il fatto di venire da una storia, anche il bisogno di suonare importanti. Forse anche prima del ’76 avevano rotto il cazzo. Per cui tutto sommato la techno rimane contemporanea nel momento in cui non ci si prende il disturbo di raccontarla o storicizzarla, ci si limita a farla o a subirla? Ok forse specificamente la techno ha un dovere morale futuristico ma le altre cose magari sì, boh.

Penso anche a cose tipo qiamdp i gruppi harsh, dopo qualche anno di dischi a cazzo, infilano la cassa nel disco nuovo e sembra tutto una rivoluzione e un comunicare col mondo. Sto pensando un po’ di cose che c’entrano per fare un pezzo ma forse ho bisogno di una mano perchè non ho cultura nè legittimità su questo.

 

Ikke Ho pensato che forse questa questione della tecnica high-end serve a legittimare il fatto di spendere soldi per andare ad ascoltare la musica-fatta-coi-bottoni, visto che siamo ancora, almeno culturalmente (la realtà speculativa è molto più avanti), in una fase di mezzo, di lenta accettazione. Va bene, è musica finta ma che almeno ‘sti computer funzionino e che siano MacBook belli costosi! È una legittimazione a metà ma creata a partire da un vago tribalismo capitalista, non so come dire, annulla i canoni del rock inteso come lo si intendeva nei ‘90, e se da una parte lo si scimmiotta (i grandi eventi i dj superstar, lo sdoganamento critico e sessuale) dall’altro lo si avversa sul piano proprio della filosofia economica e della rappresentazione di sè (esempio pratico: gli sfigati del pubblico rock sono molto diversi dagli sfigati del pubblico dance). Boh certo sì, i ragazzini hanno impiantato nei loro metodi di corteggiamento il rock danzereccio ma è stato fatto non senza sanguinare, soffrendo un tracollo generazionale.

Comunque alla fine si parla di musica popolare, non di Milan Knizak che spacca i dischi e poi li suona, o di azionismo viennese. Quindi il senso della distruzione è accettato così, alla buona, all’interno di codici sempre un po’ politici, estetizzanti nel senso di sabato sera, perché la dance è ancora considerata, in un gioco di orgoglio-legittimazione, una sorta di ambientazione scenografica. E quindi appena salta una usb o Traktor c’è subito l’indispettimento (sentimento sempre molto popolaresco), ma è lo stesso se salta la luce o un cavo ad un concerto, è che la gente ha comunque sempre bisogno dell’immagine in cui potersi riconoscere, in cui poter brillare nella luce riflessa dell’autoidentificazione, e così quando si infrange la quinta teatrale lo stesso accade alle vanità e tutti ci rimangono male.

alb2

FF Per quanto riguarda la questione della leggitimazione tribal-capitalista, qualche giorno fa ero fomentato da un discorso che avevamo fatto con qualcuno tipo philipstick e mi sono riletto l’intervista a Holly Herndon su Wire (probabilmente lo stesso numero che parla bene di Baldelli), in cui fondamentalmente lei ranta per ventimila battute intorno a questa post-ideologia subnazionale dell’economia attaccata alla musica e/o dell’atto politico (ancora) e/o del sentire territoriale, che alla fine se vogliamo mi rovina pure il disco nuovo di holly herndon, che è stupido e carino e maranza (a te immagino non faccia un baffo ma a me queste cose ultimate-pop piacciono molto). Cioè Holly si lamenta del fatto che si trova a suonare in un botto di festival i cui bill sono tutti uguali e dovrebbero essere bill più definiti culturalmente, geograficamente. Ovviamente non salta mai fuori che se i festival non fossero tutti uguali col cazzo che qualcuno penserebbe di mettere in cartellone Holly Herndon, o è una cosa che rimane un sacco sullo sfondo o comunque si lega alle tendenze millenariste che ha lei. È un po’ un effetto The Knife, se capisci quello che intendo (anche e soprattutto dal punto di vista della percezione del gesto in sé da parte del pubblico, ti spacchi, non ti spacchi, riempi l’evento e alla peggio ti lamenti il giorno dopo sui social).

Però nell’intervista c’è un bello spunto: lei dice una cosa sull’atto del vendersi, è una cosa legata ad Apple. In pratica ti dice che è accettabile ed eticamente corretto vendersi, di per sè, ma devi dichiarare da dove vengono i soldi. In sostanza questa cosa mette il mondo in mano agli influencer ultima generazione, quelli a cui le fabbriche tipo Algida mandano a casa una cassa di ghiaccioli assortiti, e loro la fotografano su Instagram e l’interscambio non è più certificare la bontà dei ghiaccioli ma la mutua accettazione di status –l’influencer certifica di essere abbastanza influente da finire sul libro paga di Algida, Algida certifica la sua possibilità di venire a romperti il cazzo su twitter e potersi fare un’indiecred a fisarmonica e quindi tanto vale mangiare il cornetto nei festival estivi, che almeno ci guadagni in cambio i Metallica. Ci saranno sicuramente progetti molto organici dietro, ma da un punto di vista più accademico e anni novanta (quindi forse più attinente al nostro ambito) il risultato finale è comunque una brandizzazione così a cazzo, l’espansione del marchio tipo pastura. Non so, quest’estate c’è un festival che si chiama Postepay Summer Fest, è come se facesse le veci del curriculum, cursus honorum e via così. Ha ricevuto soldi da tonno nostromo invece che insignito del prestigioso Godzilla music award. Sempre su Wire tempo addietro c’era un articolo formidabile su quanto fa vomitare la Red Bull Music Academy, sempre incentrato su queste tematiche localiste e tribaliste, ma non in modo stronzo e politico alla Holly Herndon. Ho scritto un po’ in fretta quindi forse ho perso di vista il punto.

Ikke Mi si diceva di questa intervista molto teorica sul Wire, ma ho evitato. Il punto sai cos’è? è che la Herndon viene dal mondo delle gallerie, ha una formazione accademica e ha fatto robe con Negarestani che tipo il passepartout per tutto quel mondo lì, quindi poi dici beh se il pop è nel mondo consumistico e delle architetture mediatiche l’unico materiale d’avanguardia possibile, allora ha tutte le carte in regola e tendi a fidarti. Però io ho da dire due cose:

 

**********

Onestamente, mi sembra più hysterical journo frenzy che altro – per essere IL disco di 2015 è assai 2006! Credo che la cosa più 2015 sia il modo in cui lei presente se stessa e il lavoro suo nelle interviste, che forse sono il vero prodotto.

 

[dai commenti fb al pezzo di Mattioli: concordo specialmente sull’ultima parte, non che sia un disco molto 2006, quello è eccessivo, semmai è un disco molto 2012]

 

e poi

 

Pikkio Ti piace?

Hai sentito il pezzo dei rumori sexy?

Ikke sto sentendo ora

quello è grande

perchè è la parodia degli ASMR

tra l’altro funziona, il relaxo funziona

te sai che io ho sta teoria che in futuro la musica sarà solo razionalista-funzionale

e si ascolterà musica solo perché funzionalmente serva a qualcosa

tipo relaxo, o idoser o audiobook o suoni per attivare sequenze domotiche o per descrivere flussi finanziari o per incentivare le performance del lavoro cognitivo e così via

Però non vorrei sminuirne la resa; lo stesso Pikkio dice che il disco funziona bene perché è il disco di aristocrazia pop HD che mancava in questo momento, ha in parte ragione ma io continuo a sentirci in profondità una certa cantautorabilità che non digerisco del tutto, mi ricorda quasi Solex, per dire.

FF A me il disco sta piacendo sinceramente. mi disturba l’impianto teoretico e il retroterra auto indulgente, cioè forse aveva il suo senso pre-99 (blasto tutto, microscene, anticapitalismo dall’interno, vaffanculo) ma siamo ancora al discorso di prima, dei criteri di giudizio anni settanta-ottanta, questa cosa dell’estetica tra virgolette punk che viene usata per decodificare tutto. Poi per me è una fase di depressione e quindi il gesto politico, la provocazione (peggio ancora in quel senso attivista, di scatenare il pensiero, tipo fluxus ma in fondo c’è anche un legame con gli ASMR anche se forse non coinvolge la percezione) e tutte quelle minchiate lì non mi piacciono più, mi danno il voltastomaco. È quasi come se ci fosse bisogno di tornare al minuscolo, soprattutto al minuscolo cognitivo, l’iper-specializzazione o la micro-scena che non dialoga con il fuori e si sente infastidita quando il fuori arriva comunque con la scusa dei leak su internet, e poi scatta tutto il paradosso del pop universale microscenico. Invece il disco di Holly Herndon in sé mi sta crescendo tantissimo, in giro ha la fama di disco “difficile” ma boh mi sembra una gran maranza con lo spleen più 4 riempitivi finto-avant per mischiare le carte a cazzo (voglio dire, parliamo di un disco il cui singolo è una cosa sessuale sull’agente NSA a cui è assegnato il tuo caso, il che probabilmente fa pensare ad uno scenario strapieno di caizzipop per altri 5 anni). L’altro giorno ero tentato di prendere il vinile per nessun motivo, tipo solo “disco giusto, facciamolo ascoltare alla bimba” (la stessa ragione per cui ho speso 30 euro per comprare Arca l’anno scorso, la mia morosa vuole ammazzarmi perchè ho scordato di togliere il prezzo). Boh, adesso prendo dei pezzi dalle email e provo a smontarli e rimontarli, se ne esce fuori una cosa qualsiasi la pubblico, che dici?

Foals – Holy Fire

PIGmag-foals-holy-fireCome i Jane’s Addiction – anzi no, i Porno For Pyros – che suonano variazioni sul tema di Heaven degli Psychedelic Furs. Il disco che i Muse o i Coldplay non scriveranno mai perché non son capaci.

il pezzo serio.

Questo pezzo non parla di niente. È una specie di abbozzo di cose che succedono e se non esistesse il blog omonimo si sarebbe chiamato Pop Topoi, ma ovviamente se non ci fosse stato il blog non mi sarebbe mai venuto in mente e tutti saremmo più snelli e felici, ivi compreso il pezzo che sto scrivendo il quale sarebbe stato defalcato di due o tre righe MA se non cito Pop Topoi almeno una volta ogni due settimane mi esplode il cervello. Per ora la chiameremo PIPPONE. La principale notizia musicale del giorno è che in una New York inguaiata dalla testa ai piedi col CMJ, aka invasa da un esercito di indie-reporters tra cui persino qualche sparuto amico mio, i Daft Punk hanno suonato al Madison Square Garden sul palco dei Phoenix, o viceversa. Pare che della partita facesse parte anche Wavves, il mio pop-rocker contemporaneo preferito partendo dal fondo. In altri posti ed altri palchi la nuova America del rock faceva bella mostra di sé con la stessa colpevole nonchalance con cui ti spurghi il naso con l’anulare di fronte a tua madre durante il pranzo di natale per fare sfoggio del tuo ateismo. Questo dei Daft Punk assieme ai Phoenix naturalmente è un naturale punto d’arrivo della musica ed una piccola morte dell’orgoglio mainstrindie, e somiglia molto metaforicamente a un ciclo di reincarnazioni buddiste bruscamente interrotto dagli zombi che mordono la musica viva infettandola e rendendola una di loro, da cui ovviamente si capisce che a dispetto di ogni ragionevole previsione l’attesissima colonna sonora di Tron Legacy farà CAGARE A NASTRO e conterrà almeno un dirigibile nero, cioè l’unica vera freccia all’arco dei Phoenix. Mentre succedeva tutto questo (non tenendo conto del fuso orario) io stavo ascoltavo una ragazza (la mia) leggere una fiaba della buonanotte a sua nipote intitolata L’amico del piccolo tirannosauro, un grandioso precipitato di cultura pop che contiene tirannosauri, topi, animali strani ed informi, cucina faidate, amicizia, cose verdee e –del tutto a sorpresa- Wolfgang Amadeus Phoenix in persona, fagocitato e cacato via dal Piccolo Tirannosauro pochi secondi prima dell’inizio della storia a segnare il principio di una nuova necessaria ondata di vitalità barbarica (cit.). La cosa più divertente ed autoironica del tutto è che per il viaggio d’andata verso la casa in cui veniva raccontata la storia avevo trovato necessario incaponirmi per avere un best of di Beyoncè (informalmente fomentato da un post di Colasanti), a costo di dovermene fare uno con le mie mani. Il che non sarebbe stato difficilissimo, considerato il fatto che un best of di Beyoncè che si rispetti contiene solamente Crazy in Love, il guest starring in Telephone di Lady Gaga (che comunque già possiedo nella mia copia di Fame Monster, anche se ormai è troppo rigato e devo cambiarlo) e ovviamente Single Ladies, una canzone il cui ritornello potrebbe essere storpiato nell’espressione Boia d’e singulèri, un moccolo inoffensivo che non sapendo cosa significa esattamente non sarei in grado di tradurre se non come Bioparco, cercando di svicolare sul senso e droppare l’argomento prima di incappare in qualche domanda scomoda e tendenziosa –per quanto immaginare Beyoncè che smoccola un tanto al chilo mentre balla sorridente a grappoli di tre  è BELLISSIMO e importantissimo e più pop di qualsiasi cosa abbia fatto Stefani Angelina Germanotta questa settimana (non essendo occorsi questa settimana i VMA, nel qual caso la gerarchia sarebbe stata ristabilita a forza di calci e bistecche di manzo). Curiosamente scopro che qualcuno ha già pensato di fabbricare un best di Beyoncè, e riesco ad accaparrarmi un torrent in sedici secondi contenente una decina di pezzi con dieci remix ad opera di cani e porci. Il mio universo collassa. Riesco comunque a masterizzare un CD, lo metto su e prima di imboccare la superstrada mi torna il bisogno fisico di ascoltare un disco a caso degli Husker Du, il che significa che l’overdose di pop becero e brutto (la musica brutta è migliore, e qui cito un gigante come Fabrizio Ferrini, tra i più grandi conoscitori di musica che abbia mai conosciuto) sta passando in favore del sempiterno noiosissimo concetto di non passa più. Il video di Single Ladies è talmente DROGA che in qualche modo sono costretto a ipotizzare complotti, tipo che nella versione uncut (quella che passa su Vimeo, perchè su Vimeo tutto è più verdeo che su Youtube) ogni trenta secondi appare la gigantesca scritta OBEY. Il gancio con gli Husker Du serviva solo per dire che oggi ho anche pensato ai live più belli e importanti della storia del rock e me ne sono uscito fuori con una lista su Twitter, che riposto qui perchè su Twitter io non sono un cazzo di nessuno:
#1 Replacements al CBGB’s, circa 1984, ubriachi fradici, cover di Sabbath/REM/Beatles, musica che viene da Dio e a lui ritorna
#2 Husker Du – Camden Palace, Londra, 1985 (audio). bottona. la miglior celebrated summer mai suonata tra quelle che ho sentito.
#3 Rollins Band -Live 87/88 (dal cofanetto Audio Airstrike Consultants). Gun In Mouth Blues dieci volte meglio dell’originale, cioè dieci volte meglio della musica rock,
#4 Brutal Truth – Goodbye Cruel World, spiegazioni pleonastiche.
#5 Suicide – 23 Minutes Over Brussels. vabbè.
#6 Stooges – Metallic KO (in realtà qui ci avevo messo i Pearl Jam a Seattle 2000, poi ho visto la vita superarmi e farmi il dito).
#7 MC5 – Kick Out The Jams.
#8 Slayer – Decade of Aggression.

e qui mi interrompo per mettere nono e decimo a pari merito tutti i dischi e le cose dal vivo che non ho in mente in questo particolare momento. Naturalmente non intendo dire che preferisco Stooges, Suicide ed MC5 agli Slayer, nè che in qualche modo il live degli Earth col pezzo pallosissimo di settanta minuti uscito su Megablade sia in qualche modo inferiore a 23 Minutes Over Brussels. Come potrei? Il problema naturalmente non sarebbe nemmeno quello. Su twitter la situazione si incaglia invece perchè il live preferito dei Pearl Jam di GiorgioP è un altro. GiorgioP è un fan degli ultimi Converge, di Vasco Brondi, dei Sonic Youth e di tante altre cose che rivelano sostanzialmente la confusione emotiva che la sua generazione continua a fare tra scorrettezza politica e dare opinioni non richieste. In questo senso il consigliatissimo blog di Giorgio, nonchè il celeberrimo tlog che a lui fa capo, sono la forma più compiuta di nostalgia anni novanta messa in scena sul web in questo momento. Primo perchè nel blog di Giorgio in linea di principio ci scrivo anch’io, secondo perchè Giorgio è anche un fan di Justin Broadrick e terzo perchè io negli anni novanta a GiorgioP NON LO CONOSCEVO, e questo è indice di tante cose, la prima delle quali è che prima del 2000 non ho mai visitato Roma. Uso le ultime dieci righe per un’autocritica e per fare una sponda. La prima si basa sul fatto che quando mi metto a scrivere senza un argomento potrei andare avanti per giorni e giorni, anche se in genere arriva (metaforicamente parlando) qualcuno che mi toglie da un tavolo di blackjack che sto sbancando per portarmi a vedere Tab Jones, la seconda è che parlando di metafore una domanda MOLTO interessante è perchè i tre dischi più caldi dell’alternative italiano (Verdena, Marlene Kuntz, Le luci della centrale elettrica) hanno tutti e tre un titolo che è una palese e definitiva metafora delle seghe?
Il nuovo Le Luci della Centrale Elettrica si chiama Per ora la chiameremo felicità.
Il nuovo Verdena si chiama WOW.
Il nuovo Marlene Kuntz si chiama Ricoveri virtuali e sexy solitudini.
Un’altra domanda che mi sto facendo da ore e ore è se l’uscita quasi contemporanea del nuovo disco delle tre formazioni sia o meno la più meschina e pianificata alleanza contro l’italiano corrente degli ultimi venti o trent’anni. Poichè la risposta non è particolarmente interessante passo oltre, nel disperato tentativo di non passare per un fan dei Verdena anche se di fatto i Verdena (per motivi a me ignoti) mi son sempre piaciuti UN CASINO, anche Il suicido del samurai, anche il Grande Sasso, tutto quanto. Se è per questo arrivai anche a consigliare caldamente Vasco Brondi a m.c. in tempi non sospetti, ammesso e non concesso che per Vasco Brondi siano esistiti tempi non sospetti. Gli dissi che mi ricordava il primo Carboni e questa cosa mi mandava fuori. Qualche mese o anno dopo, al concerto degli Ex con Mekuria, m.c. mi risponde che credo di aver capito LLDCE, davvero, insomma, il fascino che può esercitare, insomma, portami a bere dalle pozzanghere, va bene, ma ecco… anche no. Decretai la sua vittoria formale e sostanziale, in larga parte perchè nel frattempo avevo girato il culo e perso interesse in Brondi e in qualsiasi altra forma di cantautorato ad eccezione di Fausto Rossi e Piero Ciampi, e mettiamoci dentro pure il riunito Edda che tirò fuori in quello stesso periodo un disco che ho ascoltato una volta a dir tanto ma che, insomma, non è che ci puoi dire molte cose contro. Nell’attesa dunque che i tre mammasantissima del rock italiano caghino fuori il loro ovetto d’oro, mi segnalano che Ari Up muore di una malattia contro cui stava lottando, che John Lydon era il suo patrigno e che il Kindergarten di Bologna è stato chiuso per storie di droga sgamate da un’inchiesta di Repubblica. Pare che nonostante fosse appunto coinvolta Repubblica, il Ministro della Cultura non abbia detto un cazzo di niente in merito. Non che io sia mai stato al Kindergarten, ma se tagliano la programmazione rischio di vedermi saltare l’agendina settimanale dei concerti. L’unica altra cosa rimasta da dire è che questa settimana Indie Passere ha aggiornato, e qui mi interrompo perchè voglio scrivere un pezzo per Maps sulla ristampa del primo disco degli Earth prima che il gallo canti. Ora che ci penso qua intorno di galli non se n’è mai sentito uno, quindi Francesco e Jon se la possono anche andare a prendere nel culo fino a domattina. Sapete quale potrebbe essere un’idea davvero STUPIDA? Infarcire il post di foto del piumone su cui sto sopra in questo momento.